Speleologia Veneta

  • L'acqua che berremo
  • Speleologia Veneta - Allegato al Volume 14 - Anno 2006
  • Speleologia Veneta - Allegato Scientifico N. 06 - Anno 2009
  • Speleologia Veneta - Allegato Scientifico N. 07 - Anno 2010
  • Speleologia Veneta - Supplemento al Volume 01 - Anno 1993
  • Speleologia Veneta - Supplemento al Volume 07 - Anno 1999
  • Speleologia Veneta - Supplemento al Volume 13 - Anno 2005
  • Speleologia Veneta, allegato scientifico n°5 - 2007
  • Speleologia Veneta, Vol. 01 - 1993
  • Speleologia Veneta, Vol. 02 - 1994
  • Speleologia Veneta, Vol. 03 - 1995
  • Speleologia Veneta, Vol. 04 - 1996
  • Speleologia Veneta, Vol. 05 - 1997
  • Speleologia Veneta, Vol. 06 - 1998
  • Speleologia Veneta, Vol. 07 - 1999
  • Speleologia Veneta, Vol. 08 - 2000
  • Speleologia Veneta, Vol. 09 - 2001
  • Speleologia Veneta, Vol. 10 - 2002
  • Speleologia Veneta, Vol. 11 - 2003
  • Speleologia Veneta, Vol. 12 - 2004
  • Speleologia Veneta, Vol. 13 - 2005
  • Speleologia Veneta, Vol. 14 - 2006
  • Speleologia Veneta, Vol. 15 - 2007
  • Speleologia Veneta, Vol. 16 - 2008
  • Speleologia Veneta, Vol. 17 - 2009
  • Speleologia Veneta, Vol. 18 - 2010
  • Speleologia Veneta, Vol. 19 - 2011
  • Speleologia Veneta, Vol. 20 - 2012

Storie di uomini e montagne

Notizia inserita Venerdì, 15 Maggio 2015 nella categoria Conferenze, Mostre, Proiezioni e Raduni

Centro di Documentazione Speleologica “Francesco Dal Cin

Eventi organizzati in collaborazione tra Gruppo Grotte Treviso (www.gruppogrottetreviso.com) e La Venta – Esplorazioni Geografiche (www.laventa.it) con il patrocinio della Società Speleologica Italiana e Federazione Speleologica Veneta

Luogo: sede Gruppo Grotte Treviso – Centro di Documentazione Speleologica "Francesco Dal Cin" Via Cal di Breda 132/III, Parco dello Storga, Treviso

Soccorso Speleologico, Grande Guerra, Speleologia Triestina: tre storie apparentemente distanti tra loro, ma tutte e tre storie di uomini e di territori. Passione, condivisione, solidarietà, amicizia nei momenti spensierati come nella tragedia. Territorio come luogo dove inseguire i propri sogni o patria da difendere.
Montagna, mondo sotterraneo: qui l'uomo è nudo, deve confrontarsi con sé stesso, con i suoi limiti e le sue paure. Qui, in tempo di pace, e ancor più in tempo di guerra, l'uomo ha la possibilità, o la necessità, di dimostrare anche coraggio, abnegazione, solidarietà. L'ambiente naturale erode sovrastrutture e paraventi e non concede alibi.
Tre serate per scoprire isole nascoste del vasto oceano dell'animo umano.

Venerdì 19 giugno 2015, ore 21,30
"Storia e storie del soccorso speleologico"
Aurelio Pavanello

Il Soccorso Speleologico italiano nasce ufficialmente nel 1965, in seguito ad alcuni gravi incidenti in grotta, all'interno del Corpo Nazionale Soccorso Alpino. Attraverso foto d'epoca e filmati, Aurelio Pavanello, speleologo, per molti anni vice-responsabile nazionale e ora responsabile degli studi statistici del soccorso, ci accompagna attraverso una straordinaria storia di solidarietà, dedizione e competenza riconosciuta in tutto il mondo. Gli elementi ambientali e umani che caratterizzano la speleologia, che ne hanno dato l'impronta sin dalla nascita, divengono nel soccorso valori assoluti. Storia e storie del soccorso, che Aurelio (Lelo) Pavanello ha in gran parte vissuto in prima persona.

Venerdì 26 Giugno 2015, ore 21,30
"Promemoria"
Lorenzo Cadeddu, Ezio Anzanello

"Ci sono cose da non fare mai,
né di giorno né di notte,
né per mare né per terra:
per esempio, la guerra"
(tratto da "Promemoria" di Gianni Rodari)

Il Carso era una prora...
Nella prima parte della serata avremo ospite il colonnello Lorenzo Cadeddu, Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, presidente del Centro Studi Storico-Militari sulla Grande Guerra "Piero Pieri" di Vittorio Veneto e membro della Società Italiana di Storia Militare.
Partendo da un verso di una canzone di E.A. Mario dedicata al soldato ignoto, Cadeddu ci parlerà delle "spallate carsiche" che costarono il massimo sacrificio di sangue e delle trincee, immani ferite della crosta terrestre, luoghi di infinite attese in condizioni estreme e al tempo stesso "sicurezza" per i soldati che ci vivevano dentro.

La Grande Guerra da Valparola al Passo Ombrettola
Nella seconda parte della serata, Ezio Anzanello, speleologo e fotografo, ci guida attraverso alcuni percorsi di guerra sul fronte delle Dolomiti.
Da Valparola al Col di Lana, risalendo la cresta del Padon attraverso la via ferrata delle Trincee e poi ancora in Marmolada, Anzanello ci illustrerà le sue ricerche sulle gallerie di guerra, raccontandoci come questi splendidi scenari montani siano stati teatro di una guerra estenuante in un clima rigido, con difficoltà di trasporto dei materiali e con modeste attrezzature a disposizione. In particolare ci parlerà della "guerra di mina" che ha lasciato profonde tracce sul paesaggio dolomitico: soldati italiani e austriaci costruirono imponenti sistemi di gallerie allo scopo di raggiungere sottoterra le postazioni nemiche e farle saltare in aria.

Venerdì 3 luglio 2015, ore 21,30
"Muli de Grota"
Franco Gherlizza

Passione, amicizia, solidarietà. Carso triestino, Alpi Giulie.
Franco Gherlizza, speleologo triestino, presenta il suo libro "Muli de Grota". Storie di grandi amicizie e di rivalità costruttive, impostate sempre sul rispetto dell'altro, ma che servono per incentivare le attività e creare una sorta di filo conduttore per le varie storie che si susseguono, in buona parte, sul territorio carsico alle spalle di Trieste ma anche sulle Alpi Giulie, dove il massiccio del monte Canin fa da sfondo all'epica "corsa" al meno mille degli anni '70 e '80. Un libro che previlegia il rapporto che si instaura tra le persone e il territorio in cui si svolgono le loro passioni per il sottosuolo e per la montagna. Come ha scritto il giornalista Massimo Gobessi: "Un libro che guarda a quei valori che piano piano stiamo dimenticando un po' tutti; è un libro che fa meditare sul senso dell'amicizia, della parola data, dell'appartenenza, della solidarietà. E' più un libro di valori che non uno spaccato personale di "vita" speleologica".

Settembre 2015
Puliamo il Buio 2015

Il Gruppo Grotte Treviso parteciperà alla undicesima edizione di Puliamo il Buio, iniziativa nazionale realizzata da Società Speleologica Italiana in collaborazione con Legambiente. L'utilizzo di ipogei naturali e artificiali quali discariche abusive è un fenomeno purtroppo molto diffuso. I danni provocati all'ambiente carsico e alle risorse idriche profonde sono incalcolabili. Puliamo il Buio - iniziativa della Società Speleologica Italiana (www.ssi.speleo.it) - vuole portare una luce nel buio e segnalare in modo puntuale e dettagliato le situazioni di rischio e indicare le possibili soluzioni. http://www.puliamoilmondo.it/section.php
L'iniziativa è ormai legata da collaborazione a Puliamo il Mondo (www.puliamoilmondo.it) e si propone di bonificare almeno in parte le discariche abusive sotterranee, in ogni caso di documentarle, valutarne il grado di pericolosità e di individuare i possibili rimedi, proponendoli poi all'opinione pubblica e alle Amministrazioni Locali.
Il Censimento delle cavità a rischio ambientale è il nodo fondamentale di Puliamo il Buio e vuole fornire una autorevole base di lavoro a tutti coloro che vogliono collaborare alla protezione dell'ambiente e delle risorse idriche, alla riduzione dei rifiuti, alla valorizzazione degli habitat naturali e alla lotta alle discariche abusive.
Il censimento è stato avviato nel 2005 ed è oggi disponibile on-line in forma interattiva e in continuo aggiornamento.

Scarica l'allegato

Download

I Gruppi Veneti

  • Gruppo Speleologico Seren del Grappa

    G.S.S.G.

    Seren del Grappa, Belluno

  • Gruppo Grotte Treviso

    G.G.T.

    Treviso

  • Gruppo Speleologico Geo CAI Bassano

    G.S. Geo CAI Bassano

    Bassano del Grappa, Vicenza

  • Gruppo Grotte CAI Schio

    G.G. CAI Schio

    Schio, Vicenza

  • Gruppo Attività Speleologica Veronese

    G.A.S.V.

    Verona

  • Gruppo Speleologico San Marco

    G.S.S.M.

    Trivignano, Venezia

  • Gruppo Speleologico CAI Vittorio Veneto

    G.S. CAI V.V.

    Vittorio Veneto, Treviso

  • Gruppo Speleologico Padovano CAI

    G.S.P. CAI

    Padova

  • Arianna Speleologia Esplorativa e di Ricerca

    A.S.E.R.

    Treviso

  • Centro Ricerche Naturalistiche Monti Lessini

    C.R.N.M.L.

    Verona

  • Gruppo Speleologico Settecomuni

    G.S.7C.

    Asiago, Vicenza

  • Gruppo Speleologico CAI Feltre

    G.S. CAI Feltre

    Feltre, Belluno

  • Gruppo Speleologico Montecchia

    G.S.M.

    Montecchia di Crosara, Verona

  • Equipe Veneziana di Ricerca

    E.V.R.

    Venezia, Venezia

  • Gruppo Grotte CAI Valdagno

    G.G.V. CAI

    Valdagno, Vicenza

  • Gruppo Grotte Giara Modon

    G.G.G.

    Valstagna, Vicenza

  • Gruppo Naturalistico Montelliano Nervesa

    C.N.M. Nervesa

    Nervesa della Battaglia, Treviso

  • Gruppo Speleologico CAI Verona

    G.S. CAI Verona

    Verona

  • Gruppo Amici della Montagna - Verona

    G.A.M.

    Verona

  • Gruppo Speleologico "I Barbastrji" CAI Marostica

    S.B.M.

    Marostica, Vicenza

  • Club Speleologico Proteo

    C.S.P.

    Vicenza

  • Gruppo Grotte Solve CAI

    G.G.S. CAI

    Belluno

  • Gruppo Speleologico Valdobbiadene

    G.S.V.

    San Pietro di Barbozza, Treviso

  • Gruppo Speleologico Opitergino CAI Oderzo

    G.S.O. CAI Oderzo

    Oderzo, Treviso

  • Gruppo Grotte Falchi

    G.G.F.

    Verona

  • Gruppo Speleologico Reithia

    G.S.R.

    Borso del Grappa, Treviso

  • Gruppo Grotte G. Trevisiol CAI Vicenza

    G.G.G.T. CAI Vicenza

    Vicenza

  • Gruppo Speleologi CAI Malo

    G.S.M. CAI

    Malo, Vicenza

  • Unione Speleologica Veronese

    U.S.V.

    Verona

Copyright © 2012 Federazione Speleologica Veneta. Tutti i diritti riservati.
Via Monte Pelmo 12, 30020 Marcon (VE)

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online