I pipistrelli del Parco Naturale delle Grotte di Oliero e del Canal di Brenta

Responsabile del progetto: dott. Andrea Pereswiet-Soltan (Club Speleologico Proteo Vicenza)

Progetto iniziato nel 2011 - concluso nel 2014.

Nell'anno 2011, in collaborazione con il Museo di Speleologia e Carsismo Alberto Parolini di Oliero, è stato intrapreso uno studio sui pipistrelli del Parco Naturale delle Grotte Oliero e del Canal del Brenta.
Scopo della ricerca è quello di capire che specie di pipistrelli sono presenti nella zona, come essi utilizzano i vari ambienti naturali e dove trovano i potenziali rifugi.
A tal fine sono state effettuate:
- sessioni di cattura tramite apposite reti (mist-nets) presso il Parco Naturale delle Grotte di Oliero e il laghetto della Grotta dell'Elefante Bianco;
- registrazioni con bat detector Pettersson D500, con impostazione automatica, presso il Parco delle Grotte di Oliero, il laghetto Subiolo, la Grotta di Ponte Subiolo, la Grotta della Torta;
- punti d'ascolto e transetti lungo varie tipologie ambientali della Val Brenta con bat detector Pettersson D240x;
-visite presso diverse gallerie post-belliche, grotte, covoli e case abbandonate presenti nella valle.
Dai controlli dei rifugi si riscontra un ruolo fondamentale per i chirotteri delle gallerie militari (presenza sempre costante di alcuni esemplari di pipistrelli) e della Grotta della Torta, in particolare per il Rhinolophus hipposideros e R. ferrumequinum (specie sotto rigorosa protezione a livello internazionale). La Grotta di Ponte Subiolo è risultata meno importante, vista la loro rara presenza, esclusivamente di R. hipposideros, probabilmente questo dovuto alla cancellata di accesso, non adatta a favorirne il passaggio, e che non è stata ancora modificata, nonostante l'economica soluzione alternativa proposta all'amministrazione comunale. La casetta presso l'entrata di questa grotta è abitualmente utilizzata come rifugio da almeno un esemplare di R. ferrumequinum e talvolta anche dal minore, nel periodo primaverile-estivo-autunnale. Si sottolinea che, con piccoli adattamenti e pochissima spesa, si potrebbe favorire la presenza dei chirotteri in questi due ambienti.
Da una prima analisi delle registrazioni presso i laghetti di Oliero e Subiolo, anche se queste non sono stati ancora determinate fino al livello di specie, risulta una netta predominanza di chirotteri nel primo specchio d'acqua, con la presenza dei gruppi Nyctalus-Eptesicus, Pipistrellus e Myotis, mentre nel secondo troviamo oltre a questi, ma in minor numero, anche il gruppo dei Rhinolophus. Sembra comunque che il laghetto di Ponte Subiolo sia prediletto dai Myotis, anche se numericamente inferiore rispetto al Lago di Oliero.
Il numero delle specie segnalate per quest'area è passato da 1, Rhinolophus ferrumequinum, a 10, con ben 9 nuove segnalazioni per la Valbrenta: Rhinolophus hipposideros, Myotis daubentonii, Myotis emarginatus, Myotis nattereri, Pipistrellus kuhlii, Pipistrellus pipistrellus, Plecotus auritusMiniopterus schreibersii, Tadarida teniotis.
All'interno del progetto sono state svolte anche attività didattiche e divulgative volte a trasmettere le informazioni raccolte e sensibilizzare anche un pubblico non specialistico o volte alla formazione e collaborazione con altri istituti di ricerca.:
- 15 settembre 2011 è stata tenuta presso la sala conferenze del Parco delle Grotte di Oliero una conferenza divulgativa sui pipistrelli. L'evento ha registrato una considerevole affluenza (circa un centinaio di partecipanti) che si sono dimostrati interessati anche a seguire le registrazioni di ultrasuoni dopo la conferenza,
- settembre 2011 hanno partecipato e collaborato alle attività di ricerca quattro studentesse di biologia dell'Università Jagiellonska di Cracovia (Polonia) nell'ambito dell'attività di formazione educativa e di ricerca dell'Associazione degli Studenti di Scienze Naturali, Gruppo di Chirotterologia;
− estate-autunno 2014 hanno svolto il proprio tiricinio di laurea triennale studenti dell'Università Ca' Foscari di Venezia.
Alle ricerche hanno partecipato o collaborato:
− Gruppo Speleologico Giara Modon, senza i quali sarebbe stato difficile trovare l'ubicazione di gallerie e grotte e che hanno contribuito attivamente con segnalazioni di avvistamenti di pipistrelli e fornito l'appoggio logistico tramite la „Grottella",
− Club Speleologico Proteo di Vicenza,
− studenti dell' Università Ca' Foscari di Venezia,
− Sekcja Chiropterologiczna Koło Przyrodników Studentów UJ - Uniwersytetu Jagiellońskiego - Cracovia (Polonia).
Articoli pubblicati:
- Pereswiet-Soltan A., Piras G., Fassina C., 2016. Risultati del monitoraggio della chirotterofauna di alcuni siti ipogei del Veneto (Italia nord-orientale). In: Bonato L., Trabucco R., Bon M. (eds.), Atti 7° Convegno dei Faunisti Veneti. Boll. Mus. St. Nat. Venezia, suppl. al vol. 66: 242-245.
- Pereswiet-Soltan A., Ferretto M., Bernardi M., Mamprin L., 2016. Nuove segnalazioni per la chirotterofauna nel Veneziano e nel Vicentino (Veneto, Italia nord-orientale). In: Bonato L., Trabucco R., Bon M. (eds.), Atti 7° Convegno dei Faunisti Veneti. Boll. Mus. St. Nat. Venezia, suppl. al vol. 66: 235-241.
- Pereswiet-Soltan A., 2012. Prime note sulla chirotterofauna del canal di Brenta. Speleologia Veneta n. 20: 113 – 116.

I Gruppi Veneti

  • Gruppo Speleologico Padovano CAI

    G.S.P. CAI

    Padova

  • Unione Speleologica Veronese

    U.S.V.

    Verona

  • Gruppo Grotte G. Trevisiol CAI Vicenza

    G.G.G.T. CAI Vicenza

    Vicenza

  • Gruppo Grotte Treviso

    G.G.T.

    Treviso

  • Gruppo Speleologico CAI Feltre

    G.S. CAI Feltre

    Feltre, Belluno

  • Gruppo Speleologico CAI Verona

    G.S. CAI Verona

    Verona

  • Gruppo Speleologico Geo CAI Bassano

    G.S. Geo CAI Bassano

    Bassano del Grappa, Vicenza

  • Arianna Speleologia Esplorativa e di Ricerca

    A.S.E.R.

    Treviso

  • Gruppo Grotte Solve CAI

    G.G.S. CAI

    Belluno

  • Gruppo Speleologico Valdobbiadene

    G.S.V.

    San Pietro di Barbozza, Treviso

  • Gruppo Grotte Falchi

    G.G.F.

    Verona

  • Gruppo Speleologico CAI Vittorio Veneto

    G.S. CAI V.V.

    Vittorio Veneto, Treviso

  • Gruppo Amici della Montagna - Verona

    G.A.M.

    Verona

  • Gruppo Speleologico Seren del Grappa

    G.S.S.G.

    Seren del Grappa, Belluno

  • Centro Ricerche Naturalistiche Monti Lessini

    C.R.N.M.L.

    Verona

  • Gruppo Speleologico Reithia

    G.S.R.

    Borso del Grappa, Treviso

  • Equipe Veneziana di Ricerca

    E.V.R.

    Venezia, Venezia

  • Gruppo Speleologico Opitergino CAI Oderzo

    G.S.O. CAI Oderzo

    Oderzo, Treviso

  • Gruppo Naturalistico Montelliano Nervesa

    C.N.M. Nervesa

    Nervesa della Battaglia, Treviso

  • Gruppo Grotte CAI Schio

    G.G. CAI Schio

    Schio, Vicenza

  • Gruppo Speleologico Settecomuni

    G.S.7C.

    Asiago, Vicenza

  • Club Speleologico Proteo

    C.S.P.

    Vicenza

  • Gruppo Grotte CAI Valdagno

    G.G.V. CAI

    Valdagno, Vicenza

  • Gruppo Grotte Giara Modon

    G.G.G.

    Valstagna, Vicenza

  • Gruppo Attività Speleologica Veronese

    G.A.S.V.

    Verona

  • Gruppo Speleologico Montecchia

    G.S.M.

    Montecchia di Crosara, Verona

  • Gruppo Speleologico "I Barbastrji" CAI Marostica

    S.B.M.

    Marostica, Vicenza

  • Gruppo Speleologi CAI Malo

    G.S.M. CAI

    Malo, Vicenza

  • Gruppo Speleologico San Marco

    G.S.S.M.

    Trivignano, Venezia

Copyright © 2012 Federazione Speleologica Veneta. Tutti i diritti riservati.
Via Monte Pelmo 12, 30020 Marcon (VE)

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online